detrazione fiscale ristrutturazione

Indice del contenuto

DETRAZIONE FISCALE RISTRUTTURAZIONE - COSA PUO FARE TETTO360

COSA SIGNIFICA DETRAZIONE FISCALE PER RISTRUTTURAZIONE

La detrazione fiscale per ristrutturazione è uno strumento messo a disposizione dalla normativa Italiana con l’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in un detrazione dall’IRPEF pari al 36% delle spese sostenute per attività di ristrutturazione edilizia con un limite massimo di spesa pari a 48.000 €. 

In deroga a quanto sopra, fino al 31/12/2022 è possibile usufruire di una detrazione pari al 50% con limite di spesa di 98.000 €.

Nel concreto quanto spiegato sopra significa che chiunque compia una attività di ristrutturazione nelle modalità in seguito descritte, potrà detrarre il 50% di quanto ha speso a partire dall’anno successivo a quello in cui le spese sono avvenute, ripartendo in 10 rate annuali (ovvero il 5% annuo della spesa sostenuta) dalla propria IRPEF (imposte personali sul reddito)

Esempio:

ANNO 2022 SPENDO 50.000 € PER LA RISTRUTTURAZIONE: dal 2023 al 2033 verserò 2.500 € di tasse in meno ogni anno. 

CHI PUO CHIEDERE LA DETRAZIONE FISCALE PER RISTRUTTURAZIONE

La Detrazione Fiscale del 50% per ristrutturazione è una forma di agevolazione fiscale pensata al fine del recupero del patrimonio edilizio abitativo Italiano a favore dei privati cittadini. Non hanno pertanto diritto all’incentivo le aziende e le ditte individuali se l’immobile costituisce bene strumentale o merce. 

La Detrazione per Ristrutturazione spetta non soltanto al proprietario dell’immobile ma anche a chi possedendo un diritto reale di godimento (ad esempio gli affittuari dell’immobile) ne sostenga le spese. 

QUALI SONO I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE INCENTIVATI

Elenco dei lavori agevolati con la detrazione 50%

Le Attività Edilizie per cui è possibile richiedere l’Agevolazione Fiscale del 50% sono:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia 

Nel caso dei condomini è possibile richiedere l’agevolazione anche per le attività di:

  • manutenzione ordinaria

Attività di manutenzione straordinaria:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

Attività di restauro e risanamento conservativo:

  • interventi mirati all’eliminazione e alla prevenzione di situazioni di degrado
  • adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti
  • apertura di finestre per esigenze di aerazione dei locali.

Attività di Ristrutturazione Edilizia:

  • demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell’immobile preesistente
  • modifica della facciata
  • realizzazione di una mansarda o di un balcone
  • trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda
  • apertura di nuove porte e finestre
  • costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti.

IVA AGEVOLATA PER LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA

Per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio è possibile usufruire inoltre dell’aliquota Iva ridotta al 10%.

L’IVA agevolata al 10% è applicabile su tutte le prestazioni di servizi e sui materiali ceduti all’interno del contratto di appalto.

COME AVERE LA DETRAZIONE AL 50% PER LE RISTRUTTURAZIONI

Ottenere la Detrazione per Ristrutturazione è semplice. Vediamo i passaggi da fare:

Procedura per avere la detrazione 50%

Dichiarazione dei Redditi

Indicare nella dichiarazione i dati catastali identificativi dell’immobile e se di proprietà dell’atto di acquisto.

Comunicazione all’azienda sanitaria locale 

Inviare alla propria ASL una raccomandata contenente: 

  • generalità del committente dei lavori e indirizzo del cantiere
  • opere da realizzare
  • dati dell’impresa esecutrice 
  • data di inizio intervento

Comunicazione all’ENEA

Vanno inoltre comunicati all’ENEA (Ente Nazionale Energia e Ambiente) gli interventi che comportano risparmio energetico o utilizzo di fonti rinnovabili.

Come fare il bonifico per detrazione 50%?

Per usufruire della detrazione del 50% è necessario pagare i lavori esclusivamente con bonifico banacario apposito. Nel bonifico devono risultare:

  • Causale del versamento con riferimento alla norma art. 16-bis del DPR 917/1986
  • Codice Fiscale del beneficiario della detrazione
  • Codice Fiscale o Partita IVA del beneficiario del pagamento

Comunicando in banca il motivo del versamento saranno loro a preoccuparsi di predisporre il bonifico nel giusto modo. Stessa cosa vale per i bonifici eseguiti da Internet Banking per i quali esiste una apposita sezione dedicata ai Bonifici per Detrazione Fiscale.

QUALI SONO I DOCUMENTI PER LA DETRAZIONE AL 50%

Chi usufruisce della Detrazione Fiscale deve conservare ed esibire su richiesta dell’organo di controllo i seguenti documenti:

  • Ricevuta del Bonifico

  • Fatture o Ricevute Fiscali relative alle spese effettuate

  • Per interventi su parti condominiali la Certificazione rilasciata dall’Amministratore di Condominio che attesti di aver adempiuto a tutti gli previsti ed indichi la somma di spettanza del condomino

GUIDA DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Per maggiori approfondimenti di invitiamo a scaricare la Guida della Agenzia delle Entrate

guida agenzia entrate detrazione ristrutturazione edilizia
guida agenzia entrate detrazione ristrutturazione edilizia
ALTRE PAGINE UTILI
RICHIEDI UN PREVENTIVO
DOVE LAVORIAMO

TETTO360.it opera nelle provincie di:

Piemonte: Torino, Cuneo, Asti, Verbano-Cusio-Ossola, Alessandria, Novara, Vercelli, Ivrea, Biella

Valle d’Aosta

Liguria: Imperia, Genova, La Spezia, Savona

Lombardia: Milano, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Monza Brianza, Pavia, Sondrio, Varese

Veneto: Venezia, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Verona, Vicenza

Friuli Venezia Giulia: Udine, Pordenone, Trieste, Gorizia

Trentino Alto Adige: Trento, Bolzano

Emilia Romagna: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì Cesena, Rimini

Toscana: Massa e Carrara, Lucca, Pistoia, Prato, Pisa, Firenze, Arezzo, Siena, Grosseto, Livorno

Torna in alto